Presentato il DEKRA Road Safety Report 2018  

Uniformare a livello internazionale le verifiche periodiche sui veicoli e adeguare la normativa presente imponendo l'obbligo del dell’assistente elettronico alla svolta che deve far parte dell’equipaggiamento prescritto dalla legge per tutti i veicoli commerciali, come il dispositivo di assistenza alla frenata d’emergenza e il sistema di avviso di mantenimento della corsia. 
Sono queste, alcune delle proposte che, DEKRA Italia, leader storico del Testing Inspection e Certification nei settori automotive e industrial, ha rivolto alle istituzioni e alla politica durante la presentazione del rapporto annuale sulla sicurezza stradale del trasporto merci andata in scena a Roma il 16 Ottobre presso la Fondazione IFEL in Piazza San Lorenzo in Lucina. Sono intervenuti, tra gli altri, il Presidente della Commissione Trasporti della Camera dei Deputati Alessandro Morelli, l'On. Vincenza Bruno Bossio - membro della Commissione Trasporti della Camera dei Deputati, l'On. Antonella Faggi - Segretario della Commissione Trasporti del Senato, il Prefetto Roberto Sgalla - Direttore Centrale del Ministero dell'Interno delle specialità della Polizia di Stato, la presidente della Milano Serravalle Milano Tangenziali Maura Carta, il Direttore Operation dell'Anas Roberto MastrangeloPaolo Uggé in rappresentanza delle Associazioni di categoria, il Presidente della Sezione Veicoli Industriali UNRAE Franco Fenoglio, il dirigente di ACI Enrico Pagliari e l'Executive Vice President di DEKRA SE Toni Purcaro

Il rapporto  evidenzia un costante aumento degli incidenti mortali causati dal fattore umano con una disattenzione dovuta all’uso dei smartphone  e di devices elettronici e  lancia un grido di allarme sulle infrastrutture del nostro paese, insufficienti e con una manutenzione carente. Presenti alla tavola rotonda anche diversi giornalisti tra cui il promotore di #FORUMAutoMotive Pierluigi Bonora, il Direttore del giornale Tir Massimo De Donato e Giueppe Guzzardi Direttore della testata Vie&Trasporti.

 

Il trasporto merci su gomma dominerà il futuro. La sfida rimane la sicurezza, tra tecnologia e fattore umano.

Da sempre impegnata sul fronte della sicurezza in mobilità, DEKRA presenta il nuovo Rapporto sulla Sicurezza Stradale 2018, incentrato per questa edizione sul tema del Trasporto Merci.
Appuntamento annuale da sempre atteso dagli stakeholder di settore, il Rapporto - con il contributo delle personalità ed esperti di tutto il mondo - ha l’obiettivo di indagare statisticamente il fenomeno dell’incidentalità sulle strade europee, portando alla luce le buone pratiche adottate nei diversi Paesi, guardando al futuro tecnologico e comportamentale per ridurre la mortalità sulle strade, nell’ottica della tanto auspicata Vision Zero: tutti arrivano, nessuno muore.

Il trasporto delle merci su gomma dominerà il futuro della mobilità delle merci, soprattutto grazie alla sua flessibilità infrastrutturale: il Rapporto stima che nel 2040 le prestazioni del comparto aumenteranno ancora fino a 2,7 trilioni di t/km con una quota di mercato mondiale che sfiorerà il 75%. Gli ultimi dati disponibili del 2015 sul parco immatricolato evidenziano 36,5 milioni di veicoli merci viaggianti sulle strade europee (4,1 mil. in Italia) con un amento del +33% rispetto a quindici anni fa.

L’urbanizzazione crescente della popolazione mondiale, con una crescita stimata a 9,6 mld di individui nel 2050 (di cui il 67% residente nelle città), porrà importanti sfide di sostenibilità al trasporto merci nella gestione dell’ultimo miglio cittadino, sotto gli aspetti delle infrastrutture e dei ritrovati tecnologici a supporto.

Sul tema dell’incidentalità, DEKRA ravvisa una tendenza positiva del comparto del trasporto pesante con decessi diminuiti di circa il 47% rispetto a dieci anni fa, registrando 3.848 morti nel 2015 ovvero il 15% delle 26.000 vittime totali in Europa. Molto spesso l’incidentalità si verifica su strade statali e interessa gli utenti deboli come ciclisti e pedoni. Le percentuali ad oggi sono rimaste quasi invariate. L’Italia è tra i paesi più virtuosi del decennio trascorso con una riduzione delle vittime del 78%, seguita da Spagna e Grecia.

Su questi numeri il fattore umano, ovvero la responsabilità dei driver, continua a pesare per il 90%: per questo DEKRA auspica la necessità di favorire sempre di più l’introduzione di sistemi di assistenza alla guida, su cui il trasporto merci è stato storicamente pioneristico, in aggiunta ai sistemi di sicurezza passiva già presenti, tra cui spicca la cintura di sicurezza che continua ad essere il principale salvavita, in grado di ridurre le lesioni gravi dovute ad incidenti di circa l’80%.

In tema di connettività tecnologica, i Costruttori di autocarri stanno sviluppando in tutto il mondo il Platooning, un nuovo sistema di connettività dei veicoli a convoglio che sembra avere le carte in regola per un impiego su larga scala. DEKRA, con il suo Crash Test Center sta dando un importante contributo nel testare diversi sistemi di assistenza alla guida.

Difatti, secondo gli esperti dell’organizzazione tedesca, la tecnologia da sola non basta, soprattutto quando può essere disattivata volontariamente dai conducenti: occorre inoltre rivedere i concetti di abilità, idoneità e capacità di guida dei driver che devono evolversi e aggiornarsi continuamente, con formazione mirata, per adeguarsi al futuro di una guida sempre più automatizzata.

Il Rapporto infine sposta l’attenzione sulle infrastrutture, altro nodo focale del cosiddetto “safe system”: con le previsioni di crescita delle merci su gomma, ma anche in relazione all’introduzione di nuovi sistemi tecnologici che modificheranno le abitudini di guida, le infrastrutture dovranno necessariamente tenere il passo. In particolare l’attenzione è volta al decongestionamento delle aree urbane, il cosiddetto trasporto dell’”ultimo miglio”, per cui tecnologia, sostenibilità e rimodulazione delle infrastrutture saranno in tal senso nodi focali.

Tra le proposte di miglioramento di cui in ogni edizione DEKRA si fa promotrice, spiccano nelle conclusioni del rapporto una maggiore sensibilizzazione sui temi della formazione dei driver, l’impiego massivo di sistemi di assistenza alla guida, l’adozione di screening di sicurezza infrastrutturale più costanti e adeguati e, a livello internazionale, la condivisione di statistiche uniformi e comparabili sui temi della road safety.

*****

DEKRA
Dal 1925 DEKRA è una delle più importanti organizzazioni al mondo nei settori della mobilità, industriale e della formazione, con una presenza in oltre 50 paesi e oltre 37.000 dipendenti e circa 3 miliardi di fatturato. Per i suoi 100 anni di storia la vision di DEKRA non potrebbe essere più chiara: essere il partner globale per un Mondo più sicuro.

Sicurezza nel DNA: nel settore della mobilità su gomma e rotaia, così come nel trasporto aereo e marittimo, DEKRA lavora costantemente per rendere la movimentazione di merci e di persone più sicura e sostenibile. Supporta le aziende ad adottare all’interno delle fabbriche e degli uffici una corretta cultura organizzativa improntata all’incolumità del personale. Grazie ai suoi servizi di test e certificazione imparziali, indipendenti e conformi alle più aggiornate direttive europee ed internazionali, garantisce che i prodotti che arrivano nelle case dei consumatori siano ogni giorno più sicuri.

Ricerca e innovazione: DEKRA svolge una ricerca costante nei test center, nei laboratori e negli uffici di tutto il mondo per garantire una sicurezza assoluta, che deriva da indipendenza di giudizio, terzietà e trasparenza cui orienta il suo modo di lavorare e i suoi comportamenti sul mercato.

Una impegno costante: l’attenzione di DEKRA al tema della Sicurezza si esprime in primo luogo con  le competenze tecniche messe a disposizione degli automobilisti nei centri revisioni di proprietà o affiliati,  con la ricerca sulla sicurezza stradale in poli all’avanguardia – tra cui il più grande centro di test indipendente in Europa per la guida automatica e connessa, situato a Klettwitz, in Germania, che include anche il circuito di Lausitzring -  ma anche con alcuni appuntamenti fissi come la pubblicazione annuale del Rapporto DEKRA sulla Sicurezza Stradale e la partecipazione come promotrice e unica organizzazione privata al Tavolo per la Sicurezza Stradale che periodicamente riunisce in un confronto aperto e informale i più autorevoli esponenti degli Enti e delle istituzioni in prima linea sul tema sicurezza stradale.

Download

Scarica qui il Rapporto DEKRA 2018 sulla sicurezza stradale

Torna indietro

News correlate

Condividi sui social network

Accedi ora

Per candidarti su DEKRA Italia devi prima essere registrato e aver creato il tuo CV online. Clicca su Registrati, oppure accedi utilizzando le tue credenziali.
Inserisci il tuo nome utente DEKRA Italia.
Inserisci la password associata al tuo nome utente.

Cerca