Marcatura CE

In accordo alla Direttiva sulla Restrizione delle Sostanze Pericolose (RoHS) 2002/95/CE, il piombo, il mercurio, il cadmio, il cromo esavalente, il bifenile polibromato (PBB) e l’etere difenile polibromato non possono essere più utilizzati nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche. 

La Direttiva 2011/65/CE, nota anche come RoHS 2, sostituisce la precedente RoHS 2002/95/CE, ampliandone l’applicazione anche alle seguenti tipologie di apparecchiature:

  • dal 22 luglio 2014  - Dispositivi medici, strumenti di controllo e monitoraggio
  • dal 22 luglio 2016 - Dispositivi medici di diagnosi in vitro 
  • dal 22 luglio 2017 - Strumenti di monitoraggio e controllo industriali 
  • dal 22 luglio 2019 - Altre apparecchiature elettriche ed elettroniche non comprese nelle categorie sopra elencate

 che quindi si vanno ad aggiungere a quelle per cui la Direttiva RoHS era già applicata:

  • grandi elettrodomestici
  • piccoli elettrodomestici
  • apparecchiature informatiche e per telecomunicazioni
  • apparecchiature di consumo
  • apparecchiature di illuminazione
  • strumenti elettrici ed elettronici
  • giocattoli e apparecchiature per il tempo libero e per lo sport
  • distributori automatici

Inoltre, la nuova Direttiva RoHS è una Direttiva di marcatura CE; significa che il prodotto dovrà recare la marcatura CE come attestazione da parte del fabbricante (considerato come tale anche l’importatore o il distributore) che il prodotto è conforme alla Direttiva.

Non è possibile determinare quali sostanze vengono utilizzate in uno specifico materiale senza analizzarlo. Come potete, come produttore o distributore, dimostrare che il vostro prodotto è conforme alla Direttiva RoHS? E come evitare di dovere effettuare delle modifiche sostanziali e costose al vostro prodotto successivamente alla sua immissione sul mercato?

Con un campione del vostro prodotto, una lista dei materiali che lo costituiscono e una dichiarazione riguardante i componenti utilizzati (i cosiddetti materiali omogenei) DEKRA è in grado di formulare un’analisi dei rischi volta a determinare la possibilità che il prodotto contenga delle “sostanze sospette”

Usando i risultati di questa investigazione formuleremo un programma di test minimo che inizia con le misure XRF.

Riceverete un chiaro resoconto scritto della prova e dei suoi risultati e, se i materiali testati sono conformi alla Direttiva RoHS, riceverete da DEKRA un Attestato di Conformità.

Siccome non sempre lo screening XRF è sufficiente a determinare la conformità, potrà essere necessario procedere ad ulteriori test chimici per i quali sarà necessario preparare un programma di prove separato.

Al fine di ridurre costi e tempi, durante la fase di sviluppo del prodotto, DEKRA vi può supportare per quanto riguarda i materiali che devono essere utilizzati e testarne i componenti.

Condividi sui social network

Accedi ora

Per candidarti su DEKRA Italia devi prima essere registrato e aver creato il tuo CV online. Clicca su Registrati, oppure accedi utilizzando le tue credenziali.
Inserisci il tuo nome utente DEKRA Italia.
Inserisci la password associata al tuo nome utente.

Cerca