RE-ACTION Vehicle Inspection

La divisione Vehicle Inspection di DEKRA Italia ha creato una Task Force con i migliori esperti di revisione veicoli per supportare gratuitamente tutti i Centri italiani (non solo quelli del Network DEKRA) in questo difficile scenario sanitario, sociale ed economico.

In questa pagina sono state raccolte le principali FAQ - Frequently Asked Questions che possono aiutare i Centri di revisione a far luce sulle attuali normative ed in particolare sull'art.92 comma 4 del recente Decreto "Curaitalia". Le risposte sono costantemente aggiornate in base all'evolversi della situazione attuale.

Abbiamo inoltre istituito un numero unico e un indirizzo email a cui i Centri possono rivolgersi gratuitamente per chiedere chiarimenti o supporto in questo momento di necessità. Un centro di ascolto DEKRA dove i titolari dei Centri di revisione posson confrontarsi con i nostri esperti per capire meglio come rendere operativa ed efficiente la loro attività compatibilmente con la normativa vigente.


Contattaci

Scrivi a info.revisioni.it@dekra.com oppure contattaci allo 06.62274128

Faq

Possono restare aperte quelle attività il cui codice ATECO è riportato nel D.P.C.M. (nel caso delle attività legate al settore: 45.2 – 45.4 – 71). Resta inteso che, per quanto concerne la revisione, essendo stata concessa una proroga non è considerata un’attività di estrema necessità. L’interpretazione prevalente è questa: “l’attività può rimanere aperta ma non si possono fare le revisioni”. In tal proposito si sono espresse alcune province (Pisa, Grosseto, Lecco, Siracusa, Bologna, Bari) che hanno esplicitamente vietato l’attività di revisione fino al termine delle misure restrittive. Rimane inteso che possono esserci interpretazioni locali differenti.
Qualsiasi esercizio che non è in possesso dei codici ATECO e continua a svolgere l’attività è soggetto a sanzioni amministrative come prevede l’Art. 4 D.L. 25/03/2020 n°19. Le revisioni essendo state prorogate non rientrano negli spostamenti di urgenza autorizzati ai cittadini. Qualora il centro fosse in possesso dei codici ATECO, si consiglia comunque di rivolgersi agli UMC di competenza prima di procedere all’effettuazione di una prenotazione e/o revisione.
Lo spostamento per recarsi a fare la revisione non può essere considerato di estrema necessità, di conseguenza dovrebbe essere sanzionabile in caso di fermo da parte delle forze dell’ordine, sia all’interno sia all’esterno del comune di residenza. Le sanzioni in cui si incorre sono riportate nel D.L. del 25/03/2020 art. 4 comma 1 (da 400€ a 3000€), se il mancato rispetto delle misure avviene mediante l’utilizzo di un veicolo le sanzioni sono aumentate fino ad un terzo. Anche in questo caso, oltre l’interpretazione prevalente, sopra riportata, si sono riscontrate localmente interpretazioni differenti.
Tutte le variazioni sostanziali degli orari devono essere comunicate in Provincia e in MCTC, tramite mail ed i consueti canali che variano da provincia a provincia. Se il centro è in possesso dei codici ATECO, fermo restando che lo spostamento dei clienti per raggiungere il centro non è consentito, si ritiene che la sua interruzione vada comunicata come di consueto. In questo momento di emergenza, la revisione non è un servizio ritenuto essenziale anche in virtù della proroga delle scadenze.
Nella circolare MIT DDT n° 1735 del 23/03/2020 viene chiarito quanto riportato nell’art. 103 comma 2 del D.L. n° 18 del 17/03/2020: “Tutti i certificati, attestati, permessi, concessioni, autorizzazioni e atti abilitativi comunque denominati, in scadenza tra il 31/01/2020 e il 15/04/2020, conservano la loro validità fino al 15/06/2020”. In questa casistica rientrano gli attestati ATP.
Nella circolare MIT DDT n° 1735 del 23/03/2020 viene chiarito che: “la sostituzione dei serbatoi GPL, aventi scadenza successiva al 31/01/2020, come noto soggetti ad aggiornamento a norma dell’art. 78 C.d.S., segue il periodo di proroga introdotto dall’art. 92 comma 4 del D.L.” La circolazione è consentita fino al 31/10/2020.
Una bombola GPL non può essere riempita di carburante fino al superamento, con esito positivo, del collaudo. Per questo il veicolo può circolare soltanto con alimentazione a benzina. L’interpretazione prevalente è che: “non si possano svolgere le revisioni in questo periodo essendo non giustificati gli spostamenti per raggiungere i centri di revisione ed essendo stata emanata una proroga delle scadenze”. Nella circolare MIT DDT n° 1735 del 23/03/2020 sono riportate le attività indifferibili che verranno comunque garantite dalla UMC. Nella stessa viene indicato che la sostituzione dei serbatoi GPL aventi scadenza successiva al 31/01/2020 segue la proroga introdotta dall’art. 92 comma 4. La circolazione è consentita fino al 31/10/2020.
Nella circolare MIT DDT n° 1735 del 23/03/2020 viene chiarito che la proroga si applica anche alla validità dell’autorizzazione alla circolazione dei veicoli dotati di alimentazione a metano (CNG). È consentita la circolazione senza aver adempiuto agli obblighi fino al 15/06/2020.
Le revisioni dei rimorchi leggeri O1 e O2 sono di esclusiva competenza della UMC, ricadendo anch’esse sotto l’art. 80, seguono quanto indicato all’art. 92 comma 4 del D.L. n° 18 del 17/03/2020.
Vista la proroga della scadenza delle revisioni e considerato che lo spostamento non è per estrema necessità, sulla base anche dell’autocertificazione da esibire in caso di fermo da parte delle forze dell’ordine, si consiglia ai titolari dei centri autorizzati di evitare di comunicare al cliente di recarsi presso la propria officina per eseguire la revisione. DEKRA consiglia, in virtù delle forti limitazioni agli spostamenti ed all’interpretazione prevalente, di non svolgere le revisioni e di non invitare i clienti a raggiungere il proprio centro per svolgere la revisione.
Allo stato attuale la scadenza corrisponderà sempre al mese della revisione effettuata nel 2020. DEKRA ha avanzato una proposta alle istituzioni competenti per: 1) anticipare la ripartenza delle attività e le scadenze attualmente previste ad ottobre 2) calcolare i tempi delle revisioni successive sulla base della prima immatricolazione evitando nei prossimi anni il ripetersi delle anomalie in termini di distribuzione dei volumi sui vari mesi.
Il controllo tecnico di revisione è mirato a verificare l’efficienza del veicolo e delle componenti di sicurezza. Si ritiene che il tempo standard per concludere un ciclo di revisione in maniera corretta e completa sia 25 minuti. Se durante le operazioni di revisione, i controlli vengono effettuati tutti ed in maniera accurata senza tralasciare alcun dettaglio ed il corretto svolgimento delle operazioni sia dimostrabile in caso di controllo da parte della UMC, i tempi possono essere leggermente ridotti. Si ipotizza comunque una durata maggiore per la presa in carico e riconsegna del veicolo in virtù delle precauzioni igieniche che saranno necessarie al termine dell’emergenza e che proseguiranno anche nei mesi a venire (aerazione del veicolo, rapida igienizzazione, posa delle protezioni su volante, sedile e pomello del cambio).
Al momento per quanto riguarda la taratura della strumentazione non esiste alcuna deroga, di conseguenza fino a comunicazione ufficiale rimane in vigore la normativa esistente. Le attrezzature non potranno generare file di prova validi ai fini della revisione dopo la scadenza della taratura.

Condividi sui social network

Accedi ora

Per candidarti su DEKRA Italia devi prima essere registrato e aver creato il tuo CV online. Clicca su Registrati, oppure accedi utilizzando le tue credenziali.
Enter your DEKRA Italia username.
Enter the password that accompanies your username.

Search